ARCHIVIO LIBRI

libro frosinone

"La Provincia di Frosinone e le pari opportunità", 2011 R. Bortolucci, M. Mantini Satta et. altri
Il libro descrive le esperienze e il percorso fatto all’interno della Provincia di Frosinone nell’ambito del progetto L. 125/91 “La qualità della Provincia di Frosinone è anche donna” che ha rappresentato un’esperienza del tutto nuova per le dipendenti dell’Ente: un percorso che le ha aiutate a focalizzare l’attenzione su alcune problematiche inerenti alle pari opportunità, alla discriminazione di genere e all’autostima. Le normative europee e internazionali ci forniscono linee guida, percorsi da intraprendere per l’ottimizzazione delle professionalità nel rispetto delle politiche di genere, ma a livello nazionale, regionale e provinciale, l’attuazione di tali direttive subisce spesso un rallentamento, se non un arresto, a causa, forse, della poca consapevolezza dei legami circolari che intercorrono fra la soddisfazione del lavoratore, la produttività dell’organizzazione e il mercato del lavoro. La percezione dell’importanza di tali tematiche ha portato la Provincia di Frosinone ad attivare una serie di incontri e attività di tipo informativo e formativo, con l’obiettivo di far acquisire alle dipendenti la percezione di situazioni discriminatorie nell’ambiente di lavoro e indicare loro gli strumenti per avviare un processo di superamento e prevenzione.



 

aslsiena

"Un percorso di Pari Opportunità all'AUSL 7 di Siena", 2011 a cura di Roberta Bortolucci e Patrizia Randini

Il libro raccoglie le esperienze e i risultati del progetto “Pari Opportunità all’interno dell’AUSL 7 di Siena”. Le profonde trasformazioni che hanno interessato negli ultimi anni il settore sanitario italiano rendono necessaria un’ampia revisione dei sistemi di gestione del personale e l’adozione di logiche più propriamente aziendali che richiedono anche lo sviluppo di nuove competenze. Le persone costituiscono l’elemento centrale del patrimonio delle aziende sanitarie: attitudini individuali, disponibilità, saperi, esperienze, curiosità, conoscenze professionali, capacità, motivazioni, responsabilità, impegno, aspettative di uomini e donne che lavorano in azienda ne determinano funzionalità e risultati. La crescente  presenza di donne qualificate rappresenta una sfida importante per le aziende sanitarie e richiede una disponibilità al cambiamento e all’innovazione dei modelli culturali e gestionali per raggiungere l’ambizioso obiettivo di valorizzare i talenti e le competenze di tutti, uomini e donne.

 

 

cop libro ceco

“La diversità nella gestione della qualità e Responsabilità Sociale delle Imprese”, 2010 R. Bortolucci, M. Mantini Satta et al.
L’associazione Centro ProEquality della Open Society della Repubblica Ceca ha realizzato un libro dal titolo “La diversità nella gestione della qualità e Responsabilità Sociale delle Imprese”. La pubblicazione è uno dei prodotti realizzati nell’ambito del progetto di cooperazione internazionale tra il Centro ProEquality e Progetto Donna per promuovere i principi di uguaglianza di genere negli Standard della Qualità relativi alla Gestione della Qualità (ISO 9000) e alla Corporate Social Responsibility (ISO 26000).  Il libro pone l’accento non solo sul processo di attuazione delle norme ISO che certificano i processi aziendali, ma tiene anche conto della prospettiva di genere all'interno di questi standard. La pubblicazione è uno strumento di sensibilizzazione per tutte le parti interessate: imprese, associazioni dei datori di lavoro, agenzie che emanano norme e agenzie di accreditamento, certificazione e formazione. Il libro include contributi di Maria Mantini Satta e Roberta Bortolucci, esperte di Progetto Donna. Il documento è disponibile solo in lingua ceca. Il progetto è stato finanziato dal Fondo Sociale Europeo della Repubblica Ceca.

 
comune-di-roma

“Il Comune di Roma e la qualità della vita e dei servizi – azioni positive e di gender mainstreaming”, 2010 R. Bortolucci, M. Mantini Satta, P. Randini et al.
Il libro presenta la ricerca sul tema delle pari opportunità curata dal Centro Studi Progetto Donna e dalla Fondazione Giacomo Brodolini nell’ambito di un progetto di azioni positive finanziate dal Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali che ha come capofila UIL Nazionale e come partners il Comune di Roma ed i due enti curatori della ricerca. Lo studio ha lo scopo di utilizzare l’indagine condotta in alcuni settori dell’organizzazione comunale al fine di diffondere la metodologia e le buone prassi sottese all’attuazione delle pari opportunità nelle amministrazioni pubbliche e, più in generale, nel mondo del lavoro.


implementare-competitivit "Implementare la competitività. Strumenti di qualità in ottica di genere", 2009 A cura di Roberta Bortolucci e Maria Mantini Satta
Il libro illustra come un’organizzazione possa adottare un’ottica di genere all’interno dei processi aziendali ed essere più competitiva sul mercato e come l’inserimento di fattori gender-sensitive all’interno dei Sistemi di Gestione della Qualità costituiscano un fattore di Qualità Avanzata. Attraverso l’illustrazione di una metodologia innovativa e l’esposizione di casi aziendali, il lettore potrà trarne una guida su perché e come impostare un piano aziendale per la qualità in ottica di genere, come analizzare la propria organizzazione per individuare i punti critici in tema di valorizzazione delle differenze, come progettare soluzioni per una ottimizzazione della gestione delle risorse umane.
"Qualità, Benessere Organizzativo e Pari Opportunità nella Pubblica Amministrazione. Analisi e proposte operative per Consiglio di Stato e Tar", 2008 A cura di Progetto Donna
La pubblicazione raccoglie quanto emerso durante le realizzazione del progetto “La Certificazione di Genere nella Giustizia Amministrativa” presentato e svolto da un partenariato costituito tra Progetto Donna, Consiglio di Stato, Consorzio AIRE e UIL. Vengono presentati i risultati di alcune indagini conoscitive svolte all’interno di Consiglio di Stato e Tar dove per la prima volta è stata effettuata un’analisi dei problemi organizzativi presenti nell’amministrazione che impediscono la piena affermazione delle pari opportunità e presenta inoltre suggerimenti per costruire strumenti operativi atti a rimuovere le difficoltà che la diversità di genere incontra.

"Le imprenditrici vanno dove vogliono. La formazione indispensabile su pari opportunità e imprenditoria femminile", 2008 M.Mantini Satta, F. Sapigni
La pubblicazione è un vero e proprio kit formativo rivolto alle imprenditrici che vogliono avvicinarsi al tema delle Pari Opportunità, organizzato in sette moduli didattici: concetti e strategie di pari opportunità, strumenti di analisi e di certificazione, Diversity Management, conciliazione dei tempi di vita e lavoro, mass media e modelli di genere, gli organismi di parità, gli strumenti legislativi nazionali ed europei.L’obiettivo del kit è fornire spunti e stimoli per riflettere sul valore cruciale della questione di genere e sull’importanza di includere l’ottica di genere nelle politiche e nei processi di sviluppo dell’impresa
"Empowerment e Telelavoro: un percorso di genere per l'ASL di Cesena", 2008 R. Bortolucci, M. Mantini Satta, P. Randini et al.
Il libro raccoglie le esperienze e i risultati del progetto “ASL Donna e Lavoro: l’organizzazione del lavoro e la conciliazione dei tempi di vita e dei tempi di lavoro della ASL di Cesena”, che, attraverso interventi sulla cultura aziendale e sulle forme di conciliazione, si è posta l’obiettivo di migliorare la qualità di vita e di lavoro delle donne e degli uomini impiegati all’ASL e, di conseguenza, la qualità del servizio erogato agli utenti.In particolare il libro esamina i percorsi di empowerment rivolti alle donne realizzati nell’ambito del progetto e alcune ipotesi di fattibilità di forme di Telelavoro nei diversi dipartimenti dell’azienda.
"Un'impresa, mille volti. Vademecum per gestire la diversità e promuovere le pari opportunità in azienda", 2007 P. Randini et al.
Questo vademecum è uno strumento versatile, rivolto ad aziende di qualunque dimensione e settore di appartenenza che desiderano adottare politiche socialmente responsabili in tema di gestione della diversità e delle pari opportunità.Offre una rassegna dei riferimenti normativi nazionali e sovranazionali che regolano i temi della diversità in azienda (per quanto riguarda le donne, i lavoratori immigrati, diversamente abili e over 40). Si analizzano inoltre i vantaggi del Diversity Management, gli strumenti concreti per metterlo in pratica e come quantificare e valutare gli effetti positivi derivati dalle pratiche adottate.Scarica il Vademecum (PDF)
"Linee Guida per la certificazione di genere delle aziende fornitrici della Provincia di Genova", 2007 R. Bortolucci, M.Mantini Satta
Queste Linee Guida rappresentano uno strumento a supporto delle aziende fornitrici della Provincia di Genova, in vista della Certificazione di Genere che la Provincia intende richiedere ai suoi fornitori come requisito per poter avviare e mantenere il rapporto. Rappresentano uno strumento di verifica rispetto alle politiche di Pari Opportunità e ai cambiamenti da implementare nei processi aziendali per poter conseguire la Certificazione.Le Linee Guida si inseriscono nell'ottica dell'adozione di un sistema formale per superare le discriminazioni di genere relative alla presenza delle donne nel mondo del lavoro e in particolare nelle posizioni di vertice.
"Specializzazione di genere dei Centri per l'Impiego al fine di promuovere l'occupabilità femminile", 2007 R. Bortolucci, M. Mantini Satta et al.
Il tema dell'occupabilità delle donne è stato analizzato da molti punti di vista che oltre a evidenziare criticità, offrono spunti di riflessione su come affrontare il tema del lavoro delle donne e nello specifico, l'orientamento al lavoro.Il risultato delle varie analisi in cui sono state coinvolte le operatrici, le donne alla ricerca di lavoro nei CpI e le imprese della provincia, ha portato alla redazione di vere e proprie Linee Guida per i Centri per l'Impiego, quale strumento utile al miglioramento dell'occupabilità femminile.
"Fare ed essere imprenditrice sociale", 2006 R. Bortolucci, P. Randini et al.
Il libro raccoglie risultati e riflessioni nati dal progetto "Strategie di mentoring per la crescita e il consolidamento della figura dell’imprenditrice sociale", dove si sono sperimentate nuove modalità formative per promuovere lo sviluppo di imprese cooperative valorizzando le competenze e le specificità delle donne.In particolare si è sperimentata la tecnica del mentoring consentendo così di sviluppare nelle imprenditrici sociali maggiori competenze di ruolo attraverso la supervisione di imprenditrici mentor senior.
"Creazione di strumenti, modelli, azioni, per facilitare lo sviluppo di carriera e l'accesso ai livelli di responsabilità delle donne, rafforzando anche gli aspetti della conciliazione, all'interno della Regione Emilia-Romagna" 2006 R. Bortolucci, M. Mantini Satta, A. Servidori
Il libro individua una serie di modelli organizzativi volti a facilitare lo sviluppo di carriera e la partecipazione ai livelli decisionali di vertice delle donne che lavorano nella Regione Emilia-Romagna.Rispetto alle criticità evidenziate nel corso di incontri col personale sono stati presi in esame sei processi, ''esplosi'' tenendo presente l'ottica e la diversità di genere. Di ogni processo è stato creato il flusso secondo il modello proprio della gestione dei processi, con la esplicitazione dei punti che riteniamo fondamentali per prevenire e superare le discriminazioni.La metodologia utilizzata, rispetto ai modelli proposti, consiste innanzi tutto nel superamento della neutralità nella gestione dei processi e della cultura che li sottende.


"Risorsa Donna: studio di fattibilità di modelli e processi innovativi per la valorizzazione del lavoro femminile nelle Assicurazioni", 2006 R. Bortolucci, M. Mantini Satta et al.
La pubblicazione individua strumenti e azioni innovative per portare a una migliore valorizzazione della risorsa donna nelle assicurazioni al fine di coinvolgere sempre più il personale femminile nella politica aziendale in un'ottica di convenienza reciproca
"Le donne e il telelavoro nella società dell'informazione", 2006 R. Bortolucci, M. Mantini Satta et al.
Linee Guida al Telelavoro per la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento Pari Opportunità.Roberta Bortolucci e Maria Mantini Satta hanno curato le parti relative a vantaggi e criticità, costi e benefici, e le interviste a enti e imprese sulle loro esperienze di telelavoro.(Non disponibile)
"La cultura e le prassi organizzative nella COOPCENTROITALIA analizzate secondo l'ottica di genere", 2005 R. Bortolucci, M. Mantini Satta
Analisi di genere e organizzativa realizzata tramite questionari e interviste in profondità ai componenti del C.d.A., dirigenti, quadri, impiegati uomini e donne, con l'obiettivo di individuare metodi e strumenti per la crescita professionale delle donne.
canapa1 "Le donne protagoniste della nuova eco-nomia del naturale", 2004
Per consentire lo sviluppo e/o la riqualificazione dell'imprenditoria femminile nel settore innovativo della coltivazione e della lavorazione della canapa il Consorzio Canapa Italia, in partnership con Progetto Donna, ha pubblicato una Guida quale strumento di informazione per chi vuole investire in questo settore.Per saperne di piu'
"Le pari opportunità e la responsabilità sociale delle imprese", 2004 R. Bortolucci, M. Mantini Satta
L'obiettivo delle linee guida sul tema della Responsabilità sociale delle imprese è quello di fornire alle aziende indicazioni pratiche sulle migliori procedure, comportamenti, atteggiamenti da seguire per la gestione delle Risorse Umane nel rispetto delle pari opportunità, tramite una revisione dei processi gender-sensitive
"La Valorizzazione delle Risorse Umane nelle Cooperative Sociali - Progetto V.A.L.E.", 2003 R. Bortolucci, P. Randini, A. Servidori
Nel settore della Cooperazione Sociale almeno il 75% degli occupati è rappresentato dalle donne. Il libro offre proposte per la costruzione di uno strumento di gestione delle Risorse Umane in grado di individuare e analizzare le professionalità e le competenze ''nascoste'' delle donne, le possibili strategie per superare i blocchi e gli ostacoli che sono causa di immobilità in ruoli e mansioni, per facilitare i processi di crescita professionale all'interno delle cooperative sociali.
"Premio EL - Equaliy Logo Vademecum", 2003 R. Bortolucci, M. Mantini Satta
Piano di Fattibilità per l'istituzione di un Premio/Marchio per le aziende che adottano politiche di Pari Opportunità. Il Piano comprende lo sviluppo dei criteri di valutazione e del piano di marketing. Le politiche e strategie per le pari opportunità devono far parte integrante del Sistema Qualità di un'azienda in quanto non si può parlare di Qualità se sono presenti elementi e fattori di discriminazione uomo-donna. I nove criteri per l'eccellenza EFQM, letti in ottica di genere, hanno costituito la base della Checklist di valutazione per le politiche di genere delle aziende.
"Linee Guida per la conciliazione della vita lavorativa con la vita famigliare e personale di uomini e donne", 2003 M. Mantini Satta
La conciliazione pone problemi complessi, richiede il coinvolgimento di diversi attori sia pubblici che privati e mette in campo interessi diversi e talvolta contrapposti.Le linee Guida descrivono le caratteristiche, modalità e criteri per realizzare in pratica la conciliazione intesa come intervento integrato di attori diversi del territorio.
Ricerca "Free To Work ", 2002 R. Bortolucci, M. Mantini Satta
Tramite questionari e incontri è stato indagato lo ''stato dell'arte'' delle Pari Opportunità in 100 aziende della regione Emilia-Romagna relativamente ai livelli di informazione e consapevolezza dei problemi di genere, di azioni intraprese a favore delle Pari Opportunità, organizzazione e gestione delle Risorse Umane.
"Accreditamento e genere: una sola strategia", 2002 R. Bortolucci, M. Mantini Satta
Introduzione nel sistema di Accreditamento regionale di specifici requisiti relativi alle tematiche di genere e studio di fattibilità per verificare le modalità di Applicazione dell'accreditamento di genere all'interno del più generale sistema di Accreditamento della Regione Emilia-Romagna.
"Donne e Telelavoro: ricerche, orientamenti, esperienze formative", 2001 R. Bortolucci et al.
Il mondo del lavoro è fatto di nuovi lavori e nuove professionalità: la new economy ha cambiato radicalmente il modo di produrre e di comunicare. Il telelavoro ha un posto speciale in questo modo di lavorare poichè riesce a rispondere da un lato alle esigenze di flessibilità e snellezza delle aziende, dall'altro alle molte esigenze di qualità della vita del/la lavoratore/trice.Questo libro propone dati e riflessioni sul telelavoro e offre proposte per il suo sviluppo e per la formazione dei/lle lavoratori/trici.